CHIAMA PER UN PARERE LEGALE
+ 39 (0586) 898165 - 211279
RASSEGNA STAMPA
Notizie da Ex Parte Creditoris

OPPOSIZIONE A DI – SPESE GIUDIZIALI: il creditore non può mai essere condannato in caso di riconoscimento di una minor somma

24/09/2021 12:02:50
Ai fini della condanna alle spese di giudizio la valutazione di soccombenza va sempre rapportata all’esito finale della lite, anche nell’ipotesi di giudizio seguito ad opposizione ex art. 645 c.p.c., sicchè non può considerarsi soccombente il creditore opposto che veda conclusivamente riconosciuto, anche in parte minima, il proprio credito rispetto alla domanda monitoria, legittimamente subendo […] L'articolo OPPOSIZIONE A DI – SPESE GIUDIZIALI: il creditore non può mai essere condannato in ...
Notizie da Ex Parte Creditoris

OPPOSIZIONE ALLO STATO PASSIVO: il curatore può presentare nuove eccezioni

24/09/2021 11:39:28
Il giudizio di opposizione allo stato passivo, malgrado la sua natura impugnatoria, non è caratterizzato dalla preclusione di cui all’art. 345 c.p.c. in materia di ius novorum, con riguardo alle nuove eccezioni proponibili dal curatore, in quanto il riesame, a cognizione piena, del risultato della cognizione sommaria proprio della verifica, demandato al giudice dell’opposizione, se […] L'articolo OPPOSIZIONE ALLO STATO PASSIVO: il curatore può presentare nuove eccezioni sembra essere il pri...
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Messaggio WhatsApp quale idonea prova scritta del credito ex art. 633 c.p.c.

24/09/2021 00:00:00
Il Giudice di Pace di Latina nel solco di un recente indirizzo giurisprudenziale che trova conforto sia nella Cassazione sia tra i giudici di merito, ha affermato l’idoneità della messaggistica WhatsApp recante ricognizione di debito a costituire idonea prova scritta per la concessione della tutela monitoria ai sensi dell’art. 633 c.p.c.
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Sanzioni amministrative: inammissibile l’opposizione per motivi diversi da quelli originari

24/09/2021 00:00:00
In tema di opposizione a sanzioni amministrative, la legge n. 689 del 1981 configura un modello procedimentale di tipo impugnatorio nel quale tutte le ragioni poste alla base della richiesta di nullità ovvero di annullamento dell'atto debbono essere prospettate nel ricorso introduttivo", con la conseguenza che non è consentito al ricorrente di integrare in corso di causa i motivi originariamente addotti. É quanto si legge nell’ordinanza della Cassazione del 22 settembre 2021, n. 25702.
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

La Riforma del processo penale è legge: novità in tema di appello e di ricorso per cassazione

24/09/2021 00:00:00
Il lavoro analizza le direttive della delega in tema di impugnazioni. Con riferimento all’appello si prevede di riscrivere le modalità di proposizione dell’atto anche in relazione a nuovi oneri gravanti sulla difesa, nonché relativamente alla specificità dei motivi. In relazione alla cassazione vanno evidenziati soprattutto il nuovo regolamento di competenza e il nuovo ricorso per dare esecuzione alle sentenze Cedu (DDL riforma processo penale).
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Violazione di domicilio se il senzatetto entra in un appartamento disabitato per occuparlo

24/09/2021 00:00:00
In tema di delitti contro la libertà morale, integra il reato di violazione di domicilio la condotta di chi si introduca, contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo, in un appartamento di proprietà altrui, adibito a deposito di oggetti personali e saltuariamente visitato nonché regolarmente chiuso e periodicamente sorvegliato da chi ne abbia la disponibilità, in quanto l'attualità dell'uso non implica la sua continuità e non viene meno in ragione dell'assenza, più o meno prolungata nel...
Notizie da Ex Parte Creditoris

SPESE GIUDIZIALI: in caso di riforma di sentenza di condanna, chi è tenuto alla restituzione delle somme versate?

23/09/2021 17:39:07
Il pagamento delle spese processuali effettuato direttamente al difensore non indicato come distrattario, in virtù una sentenza di condanna poi riformata, non elide l’obbligo della parte al rimborso, in quanto unica legittimata passiva rispetto alla domanda di restituzione dell’importo corrisposto. Questo è il principio espresso dalla Corte d’Appello di Milano, Sez. IV, Pres. Marchetti – […] L'articolo SPESE GIUDIZIALI: in caso di riforma di sentenza di condanna, chi è tenuto alla restituzio...
Notizie da Ex Parte Creditoris

PROCEDIMENTO PER CASSAZIONE: non è mai giudice del fatto in senso sostanziale

23/09/2021 17:07:16
Il giudizio di Cassazione è un giudizio a critica vincolata, nel quale le censure alla pronuncia di merito devono trovare collocazione entro un elenco tassativo di motivi, in quanto la Corte di cassazione non è mai giudice del fatto in senso sostanziale ed esercita un controllo sulla legalità e logicità della decisione che non consente […] L'articolo PROCEDIMENTO PER CASSAZIONE: non è mai giudice del fatto in senso sostanziale sembra essere il primo su Ex Parte Creditoris .
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Il corpo e la misura: criteri di determinazione del prezzo nella vendita di immobili

23/09/2021 09:09:51
Di seguito l'articolo del dott. Marzotti, pubblicato su Immobili & proprietà n. 8-9/2021, Ipsoa, Milano. Con la sentenza n. 14592/2021 la Corte di cassazione torna sul tema della distinzione tra vendita a corpo e vendita a misura e ribadisce il principio per cui tale distinzione attiene unicamente al profilo della determinazione del prezzo, non influendo l’estensione del bene sull’individuazione dell’immobile, per la quale l’indicazione dei confini ha funzione essenziale ove precisa e riscontra...
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Maltrattamento di animali: anche chi non è proprietario può risponderne penalmente

23/09/2021 00:00:00
Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato la condanna inflitta in primo grado ad un uomo per il reato di maltrattamento di animali, la Corte di Cassazione penale, Sez. III, con la sentenza 15 settembre 2021, n. 34087 – nel disattendere la tesi difensiva secondo cui l’uomo non era il proprietario del cane asseritamente maltrattato, in quanto era stato acquistato dalla sua compagna, che non se ne occupava mai – ha invece evidenziato come ...
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Permessi premio dopo Corte Cost. n. 253/2019 per ergastolano non collaborante

23/09/2021 00:00:00
Con sentenza 10 settembre 2021, n. 33743, la Prima Sezione della Corte di Cassazione penale è tornata ad occuparsi del tema dell’onere di allegazione incombente sull’interessato in relazione alle istanze di permesso premio, formulate secondo i criteri di allegazione e probatori tracciati dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 253 del 2019 per l’ergastolano non collaborante, ai sensi dell’art. 4-bis, co. dell’ordinamento penitenziario.
Notizie da Il Quotidiano Giuridico

Come provare di avere usucapito la quota degli altri comproprietari?

23/09/2021 00:00:00
Il comproprietario che voglia dimostrare di avere usucapito la quota degli altri comunisti deve dimostrare di averla posseduta uti dominus e non più uti condominus, senza che possa considerarsi sufficiente che gli altri partecipanti si astengano dall'uso della cosa comune. Può così usucapire la proprietà esclusiva della cosa comune solo possedendola con animo domini, per il tempo necessario, in modo inconciliabile con la possibilità di fatto di un godimento comune.
Pagina 1 di 10Primo   Precedente   [1]  2  3  4  5  6  7  8  9  10  Prossimo   Ultima   

GIORGIO PRITELLI - STEFANO PRITELLI - LUCA LASCIALFARI
AVVOCATI IN LIVORNO