CHIAMA PER UN PARERE LEGALE
(0586) 898165 - 211279
Termini di utilizzo

I testi presenti nella raccolta sono liberamente utilizzabili per finalità di studio e ricerca.
Ogni utilizzo di carattere commerciale è subordinato al pagamento dei diritti previsti dalla legge italiana.
Le richieste vanno effettuate direttamente all'autore dell'articolo.

Stefano Pritelli 26/11/2012 09:29:48
Estensione al chiamato in causa della domanda attrice

Presupposti per l'estensione al terzo chiamato in causa delle domande svolte dall'attore nei confronti del convenuto.

Estensione al chiamato in causa della domanda attrice

Le domande proposte contro il convenuto si estendono al terzo automaticamente, senza che occorra una specifica, immediata, istanza o deduzione da parte dell'attore, a condizione che la chiamata del terzo sia effettuata al fine di ottenere la liberazione dello stesso convenuto dalla pretesa dell'attore, e che il terzo venga dichiarato unico ed effettivo titolare passivo della pretesa dedotta in giudizio dall'attore.

Tale principio non opera invece se il convenuto ha chiamato il terzo in garanzia, deducendo in causa nei confronti del terzo un rapporto diverso da quello dedotto dall'attore.

In tale senso: Cass. n. 12317/2011, Cass. n. 5057/2010, Cass. n.  25559/2008, Cass. n. 17954/2008, Cass. n. 6883/2008, Cass. n. 13374/2007, Cass. n. 13165/2007, Cass. n. 13131/2006, Cass. n.  1522/2006, Cass. n. 254/2006, Cass. n. 1748/2005, Cass. n. 15563/2004, Cass. n. 3643/2004, Cass. n. 14060/2003, Cass. n. 7273/2003, Cass. n. 5164/2003, Cass. n. 4740/2003, Cass. n. 4145/2003,  Cass. n. 1294/2003, Cass. n. 11371/2002, Cass. n. 11366/2002, Cass. n. 6771/2002, Cass. n. 6026/2001, Cass. n. 2471/2000.

print

ALESSANDRO LASCIALFARI - GIORGIO PRITELLI - STEFANO PRITELLI - LUCA LASCIALFARI
AVVOCATI IN LIVORNO