CHIAMA PER UN PARERE LEGALE
(0586) 898165 - 211279
Termini di utilizzo

I testi presenti nella raccolta sono liberamente utilizzabili per finalità di studio e ricerca.
Ogni utilizzo di carattere commerciale è subordinato al pagamento dei diritti previsti dalla legge italiana.
Le richieste vanno effettuate direttamente all'autore dell'articolo.

Stefano Pritelli 16/11/2012 09:51:07
Su concorso di fattori naturali e condotte umane.

La Corte di Cassazione, in controtendenza con il trend diffuso nel settore della responsabilità medica, apre a favore del
danneggiante, sollevandolo dal peso dei fattori estranei allo sua condotta.

Su concorso di fattori naturali e condotte umane.

CASSAZIONE CIVILE, Sez. III, 21 luglio 2011, n. 15991

In materia di rapporto di causalità nella responsabilità civile, in base ai principi di cui agli artt. 40 e 41 c.p., qualora le condizioni ambientali od i fattori naturali che caratterizzano la realtà fisica su cui incide il comporta-mento imputabile dell’uomo siano sufficienti a determinare l’evento di danno indipendentemente dal comportamento medesimo, l’autore dell’azione o della omissione resta sollevato, per intero, da ogni responsabilità dell’evento, non avendo posto in essere alcun antecedente dotato in concreto di efficienza causale; qualora, invece, quelle condizioni non possano dar luogo, senza l’apporto umano, all’evento di danno, l’autore del comportamento imputabile è responsabile per intero di tutte le conseguenze da esso scaturenti secondo normalità, non potendo, in tal caso, operarsi una riduzione proporzionale in ragione della minore gravità della sua colpa, in quanto una comparazione del grado di incidenza eziologica di più cause concorrenti può instaurarsi soltanto tra una pluralità di comportamenti umani colpevoli, ma non tra una causa umana imputabile ed una concausa naturale non imputabile. Ne consegue che, a fronte di una sia pur minima incertezza sulla rilevanza di un eventuale contributo “concausale” di un fattore naturale (quale che esso sia), non è ammesso, sul piano giuridico, affidarsi ad un ragionamento probatorio “semplificato”, tale da condurre “ipso facto” ad un frazionamento delle responsabilità in via equitativa, con relativo ridimensionamento del “quantum” risarcitorio.

print

GIORGIO PRITELLI - STEFANO PRITELLI - LUCA LASCIALFARI
AVVOCATI IN LIVORNO